Home Ultime notizie Tecnologia Android 13: i tempi di caricamento del gioco dovrebbero essere significativamente ridotti

Android 13: i tempi di caricamento del gioco dovrebbero essere significativamente ridotti

55
0

Android 13 sarà caratterizzato da alcune nuove caratteristiche e vari miglioramenti, con uno di questi che probabilmente riguarderà i tempi di caricamento dei giochi. Questo è ciò che suggerisce il codice del sistema operativo mobile, dopo una ricerca di Esper.

Gioco migliore con Android 13

Android 13 aggiunge un nuovo metodo chiamato setGameState all’API GameManager, permettendo ai giochi di comunicare il loro stato attuale al sistema. Questo permette ai giochi di trasmettere lo stato di alto livello del gioco e indicare se può essere interrotto o meno. Inoltre, i giochi possono anche usare il setGameState per dire al sistema operativo se il gioco sta caricando asset, risorse, ecc. La piattaforma può quindi inviare un suggerimento dello stato del gioco al sistema operativo. La piattaforma può quindi inviare un suggerimento sul tempo di caricamento al livello di astrazione dell’hardware per abilitare la nuova modalità GAME_LOADING e migliorare le prestazioni della CPU. Tuttavia, sono i produttori di smartphone che dovranno specificare le impostazioni delle prestazioni del processore che vogliono applicare quando la modalità GAME_LOADING è attiva.

Leggi:   PSG: "Galtier ha tutte le carte in regola".

In teoria, questo dovrebbe significare che i tempi di caricamento dei giochi su Android 13 saranno significativamente ridotti. Molti produttori stanno già implementando varie ottimizzazioni – come l’assegnazione di risorse aggiuntive di CPU e GPU – per migliorare il caricamento. Qui stiamo parlando di un sistema nativo che è tecnicamente valido per tutti.

Google ha già offerto due Developer Preview di Android 13. La prima beta arriverà probabilmente il mese prossimo alla conferenza I/O. Dovremo aspettare fino a quest’estate per avere la versione finale.

Articolo precedenteCome l’amore cambia il tuo cervello
Articolo successivoGerard Piqué e il furto da 24 milioni di euro