Home Stile di vita Salute ‘Arangi Re’ si occupa dei sintomi della schizofrenia: scopri questo problema di...

‘Arangi Re’ si occupa dei sintomi della schizofrenia: scopri questo problema di salute mentale

165
0

Per molto tempo, c’è stata poca comprensione di problemi di salute mentale e malattie in tutto il mondo, che ha portato le persone a trattarli come tabù. Ma ultimamente, c’è stato un cambiamento nella comprensione, con molte piattaforme tradizionali, inclusi i film, che trattano tali argomenti in modo sensibile.

Il film con Sara Ali Khan, Dhanush e Akshay Kumar di recente uscita ‘Arangi Re‘si occupa presumibilmente del delicato argomento della malattia mentale e del trauma, con uno dei personaggi principali che mostra sintomi di schizofrenia.

E mentre è incoraggiante guardare film che trattano tali argomenti – dato che la mente è grossolanamente fraintesa – il film viene criticato per aver apparentemente banalizzato il problema e persino averlo reso comico a volte.

Senza entrare troppo in esso e rischiare di dare spoiler, nel film, ci viene presentato un concetto che viene rapidamente romanzato prima che lo spettatore possa elaborarlo. Il fatto che a volte porti dell’umorismo sembra anche pericolosamente irresponsabile da parte dei registi.

Se hai visto il film e stai cercando di capire meglio la schizofrenia e i suoi sintomi, il dottor Samir Parikh, direttore di Mental Health and Behavioral Sciences, Fortis Healthcare, ha delle risposte.

Leggi:   Il Liverpool cerca la pepita del Barça

“La schizofrenia è una malattia mentale la cui causa principale è uno squilibrio chimico nel cervello; la dopamina è stata identificata come la sostanza chimica chiave per questo. Quando i livelli di dopamina aumentano, può portare a psicosi e sintomi di schizofrenia, i più comuni dei quali sono deliri e allucinazioni “, racconta indianexpress.com.

Il dottore aggiunge che delirio significa “ferma convinzione falsa”. “Qualcosa che credi sia vero, ma in realtà non lo è. E anche se qualcuno cerca di spiegartelo, non riesci a crederci. Ad esempio, qualcuno potrebbe dire che il suo computer è stato hackerato e viene osservato, o le persone ne parlano, o stanno pensando ad altri che gli stanno facendo compiere alcune azioni. ”

Il dottor Parikh dice che l’altra cosa sono le allucinazioni. “È un errore di percezione. Come se stessi sentendo una voce. È un’allucinazione uditiva. È la percezione in assenza di uno stimolo. In genere, vedresti una persona che ha le allucinazioni parlare da sola, mormorando, come se rispondesse a una voce reale. A volte, queste voci possono essere minacciose, offensive e umilianti. Puoi anche avere allucinazioni visive – vedere cose che non ci sono. ”

Leggi:   "Serata catastrofica" intorno allo Stade de France

Secondo lui, queste esperienze sono così reali per un paziente che si rifiuta di credere il contrario, anche se presentate con prove. “Queste allucinazioni possono essere uditive, visive, tattili, olfattive, ecc.”

Potrebbero esserci anche altri sintomi, ma questi sono i principali, spiega il medico.

Schizofrenia e trauma: esiste una connessione?

La causa fondamentale di questo problema di salute mentale è biologica, afferma il dottor Parikh. “Se qualcuno ha anche avuto un trauma o meno, che si è aggiunto anche alla patologia, non significa necessariamente che il trauma lo abbia causato”.

Trattamento

La schizofrenia può essere trattata con farmaci, che sono “altamente efficaci”. “Prima viene fatto un intervento, migliore e più veloce è il processo di recupero. La schizofrenia è stata molto stigmatizzata. La correlazione con la malattia mentale dovrebbe essere fatta con estrema cautela, perché dovremmo assicurarci di non aggiungere discriminazioni. Le conversazioni pubbliche sulla salute mentale dovrebbero aumentare l’asticella della consapevolezza per ridurre l’asticella dello stigma “, conclude il medico.

? Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perderti gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteIl PSG cambia idea su Icardi
Articolo successivoMercato: l’OL licenzia due attaccanti