Home Sport Calcio Atletico per insultare il Real Madrid

Atletico per insultare il Real Madrid

80
0

L’Atletico Madrid non ha intenzione di rispettare i neo campioni di Spagna del Real.

Con il Real Madrid che ha conquistato il suo 35° titolo di campionato, tutti gli occhi sono ora puntati sul derby di Madrid di domenica prossima allo stadio Wanda Metropolitano. Anche prima che i Los Blancos celebrassero il loro meritato successo, in alcuni quartieri si parlava già della guardia d’onore che l’Atletico Madrid avrebbe offerto ai campioni.

E mentre l’Atletico era in attesa di vedere cosa sarebbe successo con l’avvicinarsi del derby, la verità è che molto deve cambiare per i Rojiblancos per accogliere i loro rivali con una guardia d’onore prima del calcio d’inizio. L’Atleti ha molte ragioni per evitare un gesto che è diventato un’umiliazione per la squadra che lo fa piuttosto che un segno di rispetto per chi lo riceve. Ecco perché quasi tutta la squadra dell’Atletico è contraria all’idea.

Leggi:   Maternità surrogata e stigma: gli esperti chiedono la normalizzazione del processo e il rispetto delle scelte

“Una guardia d’onore al Real Madrid? Ci congratuliamo con loro, ma abbiamo molto rispetto per i nostri tifosi “Jose Maria Gimenez ha detto alla fine della sconfitta dell’Atleti per 2-0 all’Athletic Club, rendendo molto chiaro dove stanno andando le cose. “Come capitano, sono uno di quelli a cui non piace dare o ricevere la guardia d’onore”, ha detto Jan Oblak. “Ma sarà il club a decidere e noi faremo tutto il necessario.

Nelle mani del club

I giocatori dell’Atleti rispetteranno la decisione del club in materia, ma negli uffici del Metropolitano è noto che gran parte dei tifosi sono contrari a questo gesto nei confronti dei loro vicini in un’occasione così importante come il derby di Madrid, dal momento che la qualificazione per la prossima stagione della Champions League è ancora in gioco.

Leggi:   Pochettino al Real Madrid? Il tuono
Articolo precedenteLiverpool, un jackpot garantito
Articolo successivoTuchel rimpiange la mancanza di determinazione del Chelsea