Home Stile di vita Cibo Come abbinare cibo e vino

Come abbinare cibo e vino

110
0

(Il per)

Abbinare cibo e vino è uno dei grandi piaceri culinari, sia che si stia aprendo una bottiglia per una cena romantica lume di candela o bevendo un bicchiere con un sacchetto di patatine. Ma può anche essere uno degli elementi più sconcertanti e intimidatori della pianificazione di un pasto.

Quella che dovrebbe essere una gioia spesso produce una sensazione di terrore e paura di sbagliare. Quell’ansia può insorgere in entrambi vino occasionale bevitori e consumatori abituali.

Per dissipare i timori di un imbarazzante fallimento, molte persone cercheranno consigli o si rivolgeranno a libri sull’arte di abbinare cibo e vino.

Ha senso chiedere consiglio a persone più esperte, tranne per il fatto che i consigli sono spesso spiacevolmente specifici, il che implica che solo una bottiglia può fare il trucco, o mente da capogiro complicato. Può essere avvolto in un approccio stereotipato rivolto ai professionisti del settore enogastronomico che promette successo ma richiede una conoscenza della chimica del cibo e del vino maggiore di quella che la maggior parte delle persone possiede.

In molti anni passati a consigliare i vini con le ricette e ad aprire le bottiglie ai pasti, il mio modo principale di consumare il vino, sono arrivato a credere in diverse verità essenziali sull’abbinamento vino e cibo. Queste verità potrebbero non promettere successo, ma spero che aiutino ad alleviare i timori di selezionare i vini.

Concediti una pausa

Il primo passo, soprattutto se sei relativamente nuovo al vino, è ricevere un gradito aiuto. Come? Acquista il tuo vino in una buona enoteca piuttosto che in un supermercato o in un grande magazzino. Questo passaggio non solo migliorerà la qualità generale del vino che bevete, ma metterà a vostra disposizione alcune buone fonti di consiglio.

Commercianti dedicati sanno molto di vino e sono quasi sempre desiderosi di aiutare. Dì loro cosa hai intenzione di mangiare e chiedi consigli entro il tuo budget.

acquista ora | Il nostro miglior piano di abbonamento ora ha un prezzo speciale

Questo è un modo semplice per iniziare e porterà ad alcuni buoni abbinamenti. È una polizza assicurativa quando hai davvero bisogno di aiuto e ti darà una serie di idee con cui lavorare in futuro. Ma per sviluppare il tuo istinto, dovrai iniziare a prendere decisioni da solo, possedere i trionfi, rischiare battute d’arresto e costruire un pozzo di esperienza.

La perfezione non è l’obiettivo

Vino e cibo vanno insieme come due bellissimi voci armonizzanti, creando una miscela che eclissa una delle singole consegne. Questo è l’ideale, almeno. Raramente funziona in questo modo.

La maggior parte degli abbinamenti cibo e vino non sono perfetti. Ma anche se una bottiglia e un piatto non si fondono in sinergia, possono comunque valorizzarsi a vicenda.

Leggi:   Mbappé e Nasser ridefiniscono il PSG

acquista ora | Il nostro miglior piano di abbonamento ora ha un prezzo speciale

Più è semplice la ricetta, cioè meno sono gli ingredienti, più facile è trovare quella bella armonia. Anche così, gli accoppiamenti sono soggettivi e spesso dipendono dalla psicologia individuale piuttosto che dalla chimica tra un cibo e una bevanda.

Ad esempio, non mi piace bere champagne con le ostriche. Trovo che la combinazione crei un gusto metallico e preferisco Chablis o Muscadet. Ma prova a dirlo alle molte persone che amano i due insieme, o agli scienziati che affermano di aver dimostrato perché l’abbinamento funziona così bene.

Molte persone danno per scontato che ogni piatto abbia il suo abbinamento perfetto, quell’unico vino che, con una ricetta particolare, farà magia. Più semplice è il piatto, maggiore è la gamma di possibilità. Certo, puoi goderti un cabernet sauvignon della Napa Valley con una bistecca. Potresti anche gustare un Bordeaux, un Borgogna, un Chianti Classico, uno zinfandel o un Riserva della Riojasolo per citare alcune opzioni.

Lascia che l’esperienza sia la tua guida

La premessa di base alla base della mia rubrica sulla Scuola del Vino è che più bottiglie proverai e più tipi di vino diversi, meglio capirai il tuo gusto. E meglio conosci le tue preferenze, più facile diventa fare le tue scelte piuttosto che affidarsi all’aiuto di esperti.

Questo è doppiamente vero per l’abbinamento vino e cibo. Quei sommelier che consigliano la migliore bottiglia con l’interpretazione dello chef di halibut con zenzero e finocchio caramellato? Non sono nati con quella conoscenza. È arrivato attraverso anni di tentativi ed errori.

Ad esempio, un collega mi ha chiesto quali vini bianchi sceglierei con i piatti che normalmente serviamo con vini rossi, come la pizza, la pasta al pomodoro cotto o la bistecca. La mia risposta: non ne sono sicuro. Prova un vino bianco che ti piace e guarda cosa ne pensi.

Forse suona inquietante, ma dico sul serio. anni fa Germania, un enologo ha dimostrato quello che considerava un abbinamento meraviglioso: un riesling auslese di 20 anni con una bistecca. Era una deliziosa combinazione. La ricchezza della struttura del vino era intatta dopo 20 anni, anche se la maggior parte della dolcezza era svanita in una qualità umami che si sposava inaspettatamente bene con la carne di manzo.

Con il vino e il cibo, le regole sono fatte per essere infrante. alcuni vecchi shibboleth come il vino bianco con il pesce sono più come utili linee guida tutt’altro che ferree. Altri, come il vino rosso con formaggio, oggi sono generalmente irrilevanti.

Leggi:   Pixel 6a: scatola svelata, confermando il design trapelato

Il punto è che l’esperienza vince la paura.

È difficile sbagliare

Questo è fondamentale da capire. Se hai scelto un vino che ti piace con un piatto ti piace ma loro no armonizzare meravigliosamente, quanto è brutto, davvero? Ti resta del buon cibo e del buon vino e puoi assaporarli entrambi individualmente.

Ancora più importante, ogni passo falso, se vuoi etichettare questo tipo di situazioni, è un’opportunità per imparare e costruire su ciò che ora sai. Avrai avuto un’esperienza che conserverai molto più a lungo di alcuni consigli che potresti aver letto.

I cosiddetti errori sono utili e parte integrante dell’acquisizione di esperienza e dell’apprendimento. Devono essere abbracciati piuttosto che temuti. Un altro collega mi ha chiesto che tipo di vino si abbinerebbe a un piatto acido Panzanella, un’insalata toscana fatta con pane di stallo e pomodori freschi?

So per esperienza che i pomodori freschi tendono ad andare meglio con vini bianchi croccanti. Molti bianchi italiani sarebbero fantastici, anche se i vini in questo caso non devono essere italiani. L’aligoté di Borgogna e il Sancerre sarebbero buonissimi. Ma potresti bere un rosso con questo? Certo, soprattutto se non è legnoso o tannico.

Quasi mai un vino è la scelta giusta e unica. Non devi preoccuparti di scegliere la bottiglia perfetta perché molte bottiglie sono la scelta giusta e pochissime sono sbagliate.

Mantieni gli standard, ma modera le aspettative

La ricerca del perfetto non dovrebbe mai essere nemica del bene. Tutti amiamo e ricordiamo le esperienze di punta, ma non tutti gli accoppiamenti sono memorabili, anche se potrebbero essere stati buoni o abbastanza buoni.

Per abbastanza buono, voglio dire che il vino e il cibo non si sono calpestati l’un l’altro. È raro che cibo e vino si scontrino davvero, ma succede (vedi rovere e tannico sopra). Se succede qualcosa di stonato, purché tu non abbia speso una fortuna per il vino o non abbia aperto un bottiglia fragilesegnalo per sperimentare e apri una bottiglia diversa.

Lo so. Nessuno vuole sentire di aver sprecato soldi. Ma l’esperienza non è gratis. Hai acquisito prospettiva e comprensione al costo di una bottiglia, che puoi mettere in frigo e bere la sera successiva in un contesto più appropriato.

In quelle occasioni in cui l’abbinamento ti eccita, scatta una foto e prendi nota. Potresti non sentire una dolce armonia ogni notte, ma anche le voci soliste possono essere piuttosto buone insieme.

Questo articolo è apparso originariamente sul New York Times.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteBarça: Pjanic non ha detto la sua ultima parola
Articolo successivoDyson svela diversi prototipi di robot