Home Stile di vita Salute Giornata mondiale della tubercolosi 2022: miti e fatti comuni sulla malattia

Giornata mondiale della tubercolosi 2022: miti e fatti comuni sulla malattia

67
0

Giornata mondiale della tubercolosi (TB). è osservato per aumentare la consapevolezza sulla tubercolosi, che è una malattia infettiva. Secondo l’OMS, la cifra di incidenza stimata delle persone in India che lottano con la tubercolosi è stata di 2,64 milioni di casi, come nel 2019. Si tratta di un tasso di 193 per 100.000 abitanti. Tuttavia, la malattia è intrecciata con molti miti che spesso ostacolano il trattamento necessario ed efficace.

Mito: Tutti coloro che hanno la tubercolosi sono contagiosi

Uno dei primi miti che il dottor Jayalakshmi TK, consulente, pneumologo, Apollo Hospitals Navi Mumbai ha sottolineato è che chiunque abbia la tubercolosi è contagioso. Ha chiarito e detto: “La tubercolosi può colpire tutti gli organi del corpo tranne capelli, denti e unghie. Ma solo tubercolosi polmonare è infettivo e può diffondersi attraverso le goccioline. I pazienti che hanno iniziato il trattamento per la tubercolosi polmonare diventano non infettivi entro tre settimane dall’inizio del trattamento per la tubercolosi farmacosensibile”.

Mito: La tubercolosi è genetica

Inoltre, il dottor Avi Kumar, consulente senior, pneumologia, Fortis Escorts Heart Institute, Okhla New Delhi, ha portato l’attenzione sul mito che la tubercolosi sia genetico mentre la verità, ha detto, è che “è una malattia infettiva causata dal micobatterio tubercolare e si diffonde principalmente attraverso le goccioline, attraverso l’aria”. Aggiungendo a ciò, il dottor TK ha affermato: “Dato che la tubercolosi si diffonde attraverso le goccioline, le famiglie che sono in stretto contatto vengono esposte e le possibilità di sviluppare la tubercolosi aumentano. Ci sono alcuni luoghi in cui il numero di pazienti affetti da tubercolosi è maggiore, in tali aree l’esposizione ai pazienti è sostanziale, aumentando così le possibilità che le persone sviluppino la tubercolosi”.

Leggi:   Barça: Alves stabilisce un nuovo record

Tubercolosi, tosse La tubercolosi è una malattia infettiva causata dal micobatterio tubercolare e si diffonde principalmente attraverso le goccioline, attraverso l’aria. (File immagine)

Mito: La tubercolosi è fatale e non curabile

Le persone spesso credono anche che la tubercolosi non sia curabile, malattia mortale. Ma il dottor TK afferma che è vero il contrario, dicendo: “Esiste un trattamento per la tubercolosi, se diagnosticata e iniziata in tempo e se il paziente è conforme al trattamento, si comportano bene con i farmaci anti-TB. Il trattamento per la tubercolosi farmacosensibile dura da 6 a 9 mesi e comprende rifampicina, isoniazide, etambutolo e pirazinamide. Circa il 5% dei pazienti può sviluppare la tubercolosi resistente ai farmaci. Ora sono disponibili regimi di durata più breve che comprendono bedaquilina o delaminide.

Il dottor Kumar ha anche aggiunto che la tubercolosi può essere curata “se il paziente assume religiosamente il regime prescritto dai medici e mantiene il dosaggio, i tempi e la forma corretti. Anche le possibilità di ricaduta sono minori se si segue un regime adeguato. Tuttavia, le recidive di tubercolosi in un paziente a volte possono essere fatali se sono immunocompromesse”.

Leggi:   Mbappé attaccato, Labrune interviene

Mito: La tubercolosi si diffonde dal tatto

Entrambi gli esperti hanno anche messo in luce il mito che la tubercolosi possa diffondersi toccando il paziente. DR TK ha affermato che mentre è raro che la tubercolosi cutanea o la tubercolosi cutanea si diffonda attraverso il tatto in pazienti non trattati, “è improbabile che si diffonda attraverso oggetti personali, come vestiti, lenzuola, bicchieri, utensili per mangiare, stretta di mano, gabinettoo altri oggetti toccati da una persona con tubercolosi.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteLe toccanti parole di Andrei Yarmolenko
Articolo successivoBorgo di montagna medievale italiano rinato mentre il fascino della città si attenua