Home Stile di vita Salute Gli esperti valutano l’importanza della cura della salute mentale nel trattamento del...

Gli esperti valutano l’importanza della cura della salute mentale nel trattamento del cancro

82
0

La Giornata mondiale contro il cancro, che è stata celebrata di recente il 4 febbraio, ha tentato di aumentare la consapevolezza su come salvare vite umane. Uno degli aspetti più importanti della cura di un paziente in fase di trattamento terapia del cancro, o anche qualcuno che è stato appena diagnosticato, è il loro salute mentale. Ha detto la dott.ssa Brinda Sitaram, direttrice del servizio di psico oncologia presso l’HCG Center Hospital di Bengaluru indianexpress.com quello il cancro porta con sé “un profondo disagio emotivo e psicologico”.

“In primo luogo, perché è percepito dalle persone che non è curabile e può causare la morte. Questo provoca molti pensieri negativi, cambiamenti nel comportamento e nelle emozioni nei pazienti e nelle loro famiglie”.

Il dottor Sitaram ha citato uno studio nazionale con oltre 21 centri oncologici in tutta l’India che ha mostrato che quasi il 92% dei pazienti è in disagio mentale, ma l’intensità e la grandezza variano. “Ci sono prove convincenti che 3 pazienti oncologici su 5 avranno un grave disagio psicologico che richiederà anche un intervento psicologico professionale”.

Leggi:   Lo spirito combattivo torna al Barça

Ha inoltre affermato che durante alcuni trattamenti e terapie, non è possibile preservare gli organi, il che, insieme alla caduta dei capelli causata dagli agenti chemioterapici, porta a “profondo disagio psicologico e disturbo dell’immagine corporea.”

Il dottor Sajjan Rajpurohit, direttore dell’oncologia medica del BLK Max Super Specialty Hospital di Delhi, ha commentato: “Poiché il cancro è uno spazio che altera la vita di ogni paziente, non solo colpisce il nostro corpo, ma ha anche un impatto sulla mente. I pazienti sperimentano una differenza significativa nel loro salute emotiva a partire dalla diagnosi fino al completamento del trattamento”. Ha anche affermato che prendersi cura della propria salute mentale “si rivelerà un importante fattore che contribuisce al loro trattamento generale e alla costruzione della resilienza per affrontare la situazione in modo più deciso”.

Il dottore lo ha condiviso oltre il 90% dei pazienti in vari studi ha riportato una riduzione dell’ansia e della depressione con il giusto tipo di assistenza psicologica. “Ottenere il giusto tipo di educazione psicologica sulla malattia fin dall’inizio insieme alle sessioni terapeutiche può migliorare i tassi di sopravvivenza, ridurre la paura di recidive e fornire una migliore qualità di vita ai pazienti”.

Leggi:   Moda primavera-estate: cerca ispirazione per lo stile da Mrunal Thakur, Rakulpreet, Tara Sutaria e altri

Il dottor Samir Parikh, direttore, Salute mentale e scienze comportamentali, Fortis Healthcare, ha alluso al tema della Giornata mondiale contro il cancro di quest’anno, che era “Colmare il divario assistenziale”, affermando che “prendersi cura del badante è un aspetto importante che spesso viene trascurato”. “Anche i caregiver subiscono le loro pressioni nel fornire supporto e assistenza ai pazienti che hanno il cancro. Possiamo colmare il divario assistenziale apportando anche il benessere mentale, psicologico ed emotivo e affrontando il disagio”.

Infatti, secondo uno studio pubblicato in Giornale di oncologia clinica nel 2016, il benessere emotivo è considerato il 6° segno vitale (come i 5 segni vitali fisici: frequenza cardiaca, temperatura, polso ecc.) nella cura del cancro, come affermato anche dal dott. affrontare i loro problemi e preoccupazioni e ripristinare la loro qualità di vita”.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteBuon compleanno, Nora Fatehi: Guardando indietro al senso dello stile super-glam dell’attore-ballerino
Articolo successivoBlack Mirror IRL: gli Stati Uniti vogliono impiegare cani robot al confine con il Messico