Home Ultime notizie Tecnologia Google ufficializza il Pixel Watch, il suo primo orologio connesso

Google ufficializza il Pixel Watch, il suo primo orologio connesso

106
0

Il Pixel Watch è realtà, Google ha annunciato il suo primo orologio connesso alla conferenza I/O. Ma dovremo aspettare prima di poterlo vedere, perché sarà disponibile solo in autunno con i Pixel 7 e Pixel 7 Pro.

Prima presentazione del Google Pixel Watch

Il Pixel Watch di Google è composto da tre pezzi distinti, a partire da un vetro di copertura a forma di bulbo che si incurva fino ai lati in metallo. Google ha optato per un design edge-to-edge, ma lo schermo rotondo è solo una superficie piatta con bordi neri che lo circondano.

La corona, che può essere cliccata, si trova a ore 3, mentre un pulsante allungato si trova appena sopra. Sotto la corona si trova il primo di due piccoli fori, l’altro si trova sul bordo sinistro accanto a un lungo taglio per l’altoparlante. Sul perimetro sono presenti due alloggiamenti per il cinturino dell’orologio, con pulsanti sulla destra che consentono una rapida sostituzione. Viene utilizzato un sistema di banda proprietario, mentre Google utilizza il design “infinity band” di Fitbit.

Leggi:   Juventus - Villarreal: Streaming, canale TV e composizione / Champions League (ottavi di finale)

Dal punto di vista del software, l’orologio offre un’esperienza migliorata di Wear OS, il sistema operativo di Google. Al momento non ci sono dettagli precisi, se non che la navigazione è più fluida e le notifiche sono migliorate.

Per utilizzare il Pixel Watch è necessario uno smartphone con almeno Android 8.0 Oreo. Quindi la compatibilità con gli utenti iPhone non sembra essere prevista. Nel frattempo, l’Apple Watch non è compatibile con gli smartphone Android e richiede un iPhone.

La presentazione completa del Pixel Watch avverrà in un secondo momento, ha dichiarato Google. Al momento non ci sono informazioni sul prezzo.

Articolo precedenteVerso una grande perdita per la Ligue 1
Articolo successivoIl Barça punta all’ex madrileno