Home Ultime notizie Stile di vita Il museo del Met di New York cancella il nome di Sackler...

Il museo del Met di New York cancella il nome di Sackler dalle gallerie d’arte

211
0

La famiglia Sackler dell’ormai defunta Purdue Pharma avrà il nome rimosso dalle sette sale espositive in cui si trova, ha annunciato giovedì il Metropolitan Museum of Art di New York.

Il museo, comunemente noto come Met, aveva già iniziato nel 2019 a rifiutare i finanziamenti della famiglia, ora famigerata per il suo ruolo nell’aggravare la crisi degli oppiacei negli Stati Uniti che ha ucciso centinaia di migliaia di americani.

“Riteniamo che questo sia nel migliore interesse del museo e dell’importante missione che serve”, ha affermato la famiglia in una dichiarazione congiunta con il Met.

Il Tate Museum e la National Gallery di Londra, il Louvre di Parigi, il Jewish Museum di Berlino e il Guggenheim di New York hanno già interrotto i rapporti con la famiglia.

Leggi:   Mbappé, un dirigente del PSG gli manda un messaggio!

Purdue Pharma disciolto

I Sackler sono i discendenti dei fratelli Mortimer e Raymond Sackler, che hanno assunto il controllo di Purdue Pharma nel 1962. L’azienda è diventata famosa per la produzione di farmaci oppiacei OxyContin e fentanyl che creano dipendenza.

Secondo i documenti del tribunale, i membri della famiglia, molti dei quali hanno ricoperto incarichi esecutivi e di consiglio, hanno continuato a chiedere ai loro rappresentanti di vendita di spingere i farmaci e di esercitare pressioni sui medici molto tempo dopo aver saputo dei loro effetti negativi.

La Purdue Pharma è stata sciolta a settembre dopo che un giudice ha autorizzato una controversa offerta legale della famiglia Sackler che li vedrà pagare 4,5 miliardi di dollari (quasi 4 miliardi di euro), una frazione della loro ricchezza, a vittime e istituzioni in cambio dell’immunità da futuri oppiacei. cause legali.

Leggi:   Benzema arrabbiato, il Real trema

Il 2021 ha visto un enorme picco di morti per overdose negli Stati Uniti, con i ricercatori che ritenevano che la pandemia di coronavirus avesse avuto un ruolo importante in un aumento del 30% rispetto al 2019.

? Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perderti gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteMbappé al Real, è sempre più vicino
Articolo successivoAlopecia da trazione: il dermatologo condivide gli errori nella cura dei capelli che devi smettere di fare ora