Home Ultime notizie Tecnologia Imagen: l’intelligenza artificiale che produce foto di qualsiasi cosa… a partire da...

Imagen: l’intelligenza artificiale che produce foto di qualsiasi cosa… a partire da una descrizione di testo

114
0

I ricercatori di Google Ricerca rimanere all’avanguardia nella tecnologia dell’intelligenza artificiale. La loro ultima creazione, Imagenè in grado di produrre qualsiasi foto a partire da un semplice testo scritto. Tutto ciò che si deve fare è riempire il campo di input con “una foto di un cane Corgi che guida una motocicletta in modo che Imagen possa produrre in pochi secondi una foto corrispondente a questa descrizione (una foto creata da zero, ovviamente).

Alcune foto false prodotte da Imagen, con sotto ognuna il testo descrittivo su cui l’AI si è basata per produrre l’immagine finale

I risultati sono spesso sorprendenti – l’intelligenza artificiale è in grado di produrre qualsiasi tipo di immagine – ma gli ingegneri di Google affermano che il software presenta ancora gravi limiti. Ad esempio, l’IA fatica a creare foto false il cui contenuto è troppo lontano dall’enorme banca di immagini a sua disposizione (e da cui compone le proprie immagini). Un cane che guida una moto va bene, ma un cavallo che guida un uomo non funziona.

Leggi:   Un'altra battuta d'arresto per Newcastle

Immagine 2

A sinistra, le immagini prodotte da Imagen, a destra, le foto reali corrispondenti al risultato atteso.

A volte sono le “associazioni” a non corrispondere ai risultati attesi. Se si chiede a Imagen di produrre l’immagine di un panda in crema di caffè, l’IA di solito produce una “foto” di un panda che fa il cappuccino! Infine, i ricercatori di Google temono ancora che queste tecnologie possano essere utilizzate in modo improprio (contenuti razzisti o pornografici, ecc.), per cui Imagen non è ancora pronto per essere reso disponibile al grande pubblico. Queste considerazioni sono certamente lodevoli, ma se siamo troppo cauti, non c’è il rischio di assistere un giorno all’attesa rivoluzione dell’automazione e all’assunzione dei compiti più ripetitivi da parte dell’IA, con il rischio che a beneficiarne siano solo i grandi gruppi…

Leggi:   Il Real evita il peggio / La Liga (J22)
Articolo precedenteMbappé risponde finalmente sui soldi
Articolo successivoBounou entra in un circolo molto chiuso