Home Sport Calcio La risposta tagliente di Guardiola all’attacco di Evra

La risposta tagliente di Guardiola all’attacco di Evra

101
0

Pep Guardiola ha colpito l’attacco di Patrice Evra sulla sua capacità di allenare i giocatori con carattere, e ha mandato l’ex Manchester United alle corde.

Manchester City ha bisogno di leader, ma Guardiola non vuole leader. Non vuole giocatori con personalità perché lui è il leader. Ecco perché non hanno abbastanza volontà quando sono in pericolo. Non hanno nessuno in campo per aiutarli. È una buona cosa che non saremo in grado di tirare la palla fuori dal fondo della rete”, ha detto. Prime Video Italia. Un’uscita di scena che non ha mancato di far reagire il bersaglio principale.

Vedi anche: Champions League: l’esclusione del Real “possibile

Nei commenti riportati dal DailymailPep Guardiola non ha lasciato che l’attacco dell’ex United vada sprecato. ” Forse. (Patrice) Evra ha ragione. O forse ha tirato fuori quella buona parola per tornare al Manchester United e ottenere un lavoro lì. Ho avuto alcuni giocatori incredibili sotto di me a Barcellona, Bayern, Man City. Potrei fare una bella lista in termini di personalità e carattere. La maggior parte di loro ha vinto coppe del mondo, coppe europee, Champions League e campionati.

Leggi:   Dal non toccare i sottaceti all'evitare la cucina: il sondaggio rileva i tabù mestruali prevalenti in India

“Il Manchester City ha solo soldi”

Una risposta che non dovrebbe impedire a Patrice Evra di mantenere la sua opinione, lui che altrimenti ha preso di mira il Manchester City nel suo complesso. ” Mi ricordano il PSG, sono club basati sul denaro. Anche il Real Madrid ha soldi, ma ha una storia alle spalle. Il Manchester City ha solo soldi e i giocatori giocheranno lì solo per quello. Dopo di che vincono trofei, naturalmente, ma un giocatore sceglie di andare al City solo perché il club ti offre più soldi.

Leggi anche: >>> Klopp preoccupato per l’arrivo di Haaland al Man City

Articolo precedentePogba al PSG, ha un buon odore
Articolo successivoL’autorità francese per la concorrenza prende di mira il gigante SAP