Home Ultime notizie Stile di vita La scienza risponde come puoi dividere perfettamente la crema tra i biscotti...

La scienza risponde come puoi dividere perfettamente la crema tra i biscotti Oreo? Ecco cosa ha scoperto uno studio

80
0

Ci sono molti modi bizzarri in cui le persone mangiano il loro cibo o lo preferiscono. Ma, quando si tratta di biscotti sandwich, c’è una scienza particolare dietro come deve essere consumato, la proporzione della crema, la sua coesione, ecc.

Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Istituto americano di fisica (AIP), allo studio scientifico del “panino con biscotti ripieni di crema” è stato dato un nome: Oreology — dopo Nabisco Oreo per ‘cookie’ e le parole greche ‘rheologia’ per ‘studio del flusso’.

In breve, il giornale lo chiama “lo studio del flusso e della frattura dei biscotti sandwich”.

Cosa comporta?

Implica “l’utilizzo di un reometro da laboratorio” per misurare “i meccanismi di guasto dell’omonima “crema” di Oreo e sondare l’influenza della velocità di rotazione, della quantità di crema e della “distribuzione della crema post mortem”.

Fondamentalmente, lo studio tenta, attraverso teorie legittime ed equazioni matematiche, di comprendere il fallimento dell’adesivo e il motivo per cui il 95% della crema si attacca a un wafer. È interessante notare anche che il lato pesante di crema è “orientato in modo uniforme” all’interno della maggior parte delle scatole di Oreo!

Leggi:   Google offre scooter elettrici ai suoi dipendenti per il ritorno in ufficio

Biscotti Oreo, cialde di biscotti Oreo, crema di biscotti Oreo, crema che si attacca da un lato nel biscotto, Oreologia, studio dei biscotti Oreo, notizie espresse indiane Come ti piace mangiare il tuo biscotto Oreo? (Foto: Getty/Thinkstock)

Tuttavia, è probabile che i biscotti che vengono conservati in scatole in “condizioni potenzialmente avverse” come temperatura e umidità elevate mostrino “fallimento di coesione”, con il risultato che la crema viene divisa tra le metà dei wafer.

Crystal Owens, l’autore principale dello studio AIP e ricercatore in ingegneria meccanica presso il Massachusetts Institute of Technology, è stato citato in una CNN riporta dicendo: “Quando ero piccolo, ho provato a torcere i wafer per dividere la crema in modo uniforme tra i wafer, quindi ce n’è un po’ su entrambe le metà, il che secondo me ha un sapore molto migliore rispetto ad avere un wafer con molta crema e uno con quasi nessuno. Questo è stato difficile da fare quando lo stavo provando a mano”.

Leggi:   Chelsea: un passaporto portoghese per Roman Abramovich

Secondo lo studio, i ricercatori hanno escogitato qualcosa chiamato “Oreometro”, progettato per dividere uniformemente la crema di biscotti tra i due wafer di biscotti. “Abbiamo imparato, purtroppo, che anche se giri perfettamente un Oreo, la crema finirà quasi sempre principalmente su uno dei due wafer, con una delaminazione della crema, e non c’è un modo semplice per farlo dividere tra i wafer, “Si dice che Owens abbia detto.

Ha aggiunto che “non hanno nemmeno iniziato a rispondere a tutte le domande che qualcuno potrebbe porre su Oreo o biscotti”. “Ecco perché abbiamo realizzato il nostro Oreometer, in modo che chiunque abbia accesso a una stampante 3D può effettuare altre misurazioni”, ha affermato Owens.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteHaaland, la nuova svolta?
Articolo successivoAl vertice dell’AYUSH, il Primo Ministro Modi racconta come l’Ayurveda ha aiutato la figlia dell’ex Primo Ministro keniota a ritrovare la vista