Home Ultime notizie Tecnologia L’E3 2022 è stato cancellato, non ci sarà nessuno spettacolo fisico o...

L’E3 2022 è stato cancellato, non ci sarà nessuno spettacolo fisico o online

52
0

L’E3 2022 non avrà luogo dopotutto, lo show dei videogiochi è stato cancellato. Si era già parlato della cancellazione dello show fisico, e ora anche la versione online è stata abbandonata, come annunciato dalla Entertainment Software Association (ESA), l’organo di governo dello show.

E3 2022 cancellato

L’E3 2022 era originariamente previsto per quest’estate (normalmente a giugno), ma dopo tutto non sarà così. Tuttavia, gli organizzatori assicurano che l’edizione del 2023 avrà luogo:

L’E3 tornerà nel 2023 con una presentazione rinvigorita che celebra i nuovi ed eccitanti videogiochi e le innovazioni dell’industria.

Abbiamo precedentemente annunciato che l’E3 non si sarebbe tenuto di persona nel 2022 a causa dei continui rischi per la salute associati al Covid-19. Oggi annunciamo che non ci sarà un E3 online neanche per il 2022.

Invece, dedicheremo tutte le nostre energie e risorse per offrire un’esperienza E3 fisica e digitale rivitalizzata la prossima estate. Che lo stiate godendo dallo show floor o dai vostri dispositivi preferiti, lo show 2023 riunirà la comunità, i media e l’industria in un formato completamente nuovo e in un’esperienza interattiva.

Non vediamo l’ora di portare l’E3 ai fan di tutto il mondo dal vivo a Los Angeles nel 2023.

Cercate presto ulteriori informazioni e annunci.

Come promemoria, l’edizione del 2020 era stata cancellata a causa di Covid-19. Nel 2021, l’edizione fisica della fiera del gioco è stata cancellata, ma c’era una versione online. Quest’anno non ci sarà nulla.

Leggi:   Squadre MLS nella Supercoppa Europea?

Cosa possiamo aspettarci invece? Il Summer Game Fest 2022 è ancora previsto per giugno. Sarà presentato da Geoff Keighley, che è già incaricato di presentare i Game Awards.

Articolo precedentePlayStation Plus 2022 aprile: giochi gratuiti per PS4 e PS5
Articolo successivoPogba stanco, Rangnick parla