Home Ultime notizie Stile di vita L’Himachal Pradesh avrà il tunnel più lungo e più alto del mondo...

L’Himachal Pradesh avrà il tunnel più lungo e più alto del mondo entro il 2025

82
0

L’India ospiterà presto il tunnel più alto e lungo del mondo. Collegamento della valle dello Zanskar in Ladakh a Lahaul dentro Himachal Pradesh, il tunnel sarà posizionato sotto i 16.580 piedi. Passo Shinku-La. Previsto per essere completato entro il 2025, il tunnel fornirà una connettività sicura e in qualsiasi condizione atmosferica tra queste due aree montuose.

Il capo generale della Border Roads Organization (BRO), il tenente Rajeev Chaudhary, ha informato che il tunnel sarà lungo 4,25 km, i cui lavori dovrebbero iniziare il prossimo anno tra luglio e agosto. Il direttore generale delle strade di frontiera (DGBR) ha aggiunto informando che il tunnel sarà aperto a tutti i veicoli dopo il completamento dell’asfalto dell’autostrada. Il progetto si intitola ‘Progetto Yojak’ ed è stato approvato dal Centro.

Secondo i rapporti, l’esercizio della strada Nimmu-Darcha (Nimmu è a Zanskar mentre Darcha è a Lahaul) è in stallo da 20 anni a causa di problemi tecnici.

Leggi:   Barça: Koundé già in partenza?

In questo momento, il tunnel Atal offre un’alternativa più sicura al Rohtang Pass, alto 13.000 piedi, ed è il tunnel più alto del mondo sopra i 10.000 piedi. L’autostrada Nimmu-Padum-Darcha sarà più sicura delle autostrade Manali-Leh e Srinagar-Leh in quanto non passa vicino ai confini tra India-Cina o India-Pakistan. Al momento, le persone devono percorrere 101 km da Manali a Darcha su Leh Road e poi entrare nella valle di Zanskar attraverso Shinku-La Pass.

Questo tunnel ha lo scopo di aumentare il commercio Valle Zanskar portando una migliore connettività.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteLa sgargiante sfilata di Carnevale di Rio torna dopo la pandemia
Articolo successivoAnche un esercizio lieve e moderato può ridurre il rischio di depressione, rileva una nuova analisi dei dati