Home Sport Calcio Liverpool: Klopp si affida all’esperienza per la finale

Liverpool: Klopp si affida all’esperienza per la finale

46
0

Jürgen Klopp è stato invitato a parlare con la stampa in vista della finale di C1 del Liverpool contro il Real Madrid e ha condiviso un’analisi dello sviluppo della sua squadra.

Dopo tre finali giocate (Dortmund 2013, Liverpool 2018 e 2019), Jürgen Klopp parteciperà per la quarta volta nella sua carriera di allenatore, e la terza sulla panchina di Liverpoola una finale di Champions League. Il nuovo scontro tra il mitico club della Mersey e il grande Real Madrid, sabato 28 maggio, potrebbe essere l’occasione per l’uomo dello Stoccarda. per vincere la sua seconda C1e forse il settimo della squadra britannica, portandola a pari merito con il Milan.

Vedi anche: PSG: Pochettino si aggrappa al suo posto di lavoro

Da quando è arrivato ad Anfield nell’ottobre del 2015, l’ex manager del Borussia Dortmund ha permesso alla squadra di Rossi di fare un vero salto di qualità nella Coppa Europea. In effetti, ci sono voluti solo quattro anni perché il Liverpool vincesse la sua sesta Champions League nel 2019, dopo l’ultima nel 2005 contro la Rossoneri di Carlo Ancelotti. Per non parlare delle recenti finali di FA Cup e League Cup. Una prestazione che il protagonista ha recentemente elogiato durante la conferenza stampa prima della finale.

Leggi:   L'OM rifiuta diverse offerte per Milik

“Dobbiamo imparare a vincere le finali”.

“È positivo aver giocato le finali in precedenza, sicuramente. L’ho detto dopo la vittoria in finale contro il Tottenham: In tutte le finali che le mie squadre hanno giocato in precedenza, abbiamo giocato un calcio migliore ma abbiamo perso.“, ha detto l’allenatore tedesco. “Quindi dobbiamo imparare a vincere le finali e ne abbiamo vinte alcune, non quelle di Champions League, ma altre”.. Abbiamo più esperienza e questo è probabilmente un bene, ha aggiunto.

Leggi anche: >>> OL: una stella della squadra in uscita

Articolo precedenteDembélé al PSG, un altro rimbalzo
Articolo successivoOL: una stella della squadra in movimento