Home Sport Calcio Manchester City e Liverpool indietro / Premier League (J32)

Manchester City e Liverpool indietro / Premier League (J32)

59
0

Il Manchester City ha sfidato il Liverpool in uno scontro decisivo nel 32° turno della Premier League. E hanno disegnato sul loro terreno di casa.

Il Manchester City è in vantaggio di 73 punti sul Liverpool nel 32° turno della Premier League, una partita cruciale all’Etihad Stadium domenica sera. In questo duello strettamente contestato, è stato il Manchester City che ha tirato il primo sangue. Al quinto minuto, De Bruyne ha preso un calcio di punizione e ha sparato un tiro di sinistro. Alisson è stato ingannato alla sua sinistra dal tiro deviato di Joel Matip. Tuttavia, i rossi hanno risposto con Diogo Jota al quarto d’ora. Il cross di Andrew Robertson da sinistra è stato incontrato da Trent Alexander-Arnold sul palo lontano dal portoghese, che ha segnato con il suo piede destro.

Gabriel Jesus avrebbe comunque ripristinato il vantaggio della squadra di casa poco prima della pausa. Il brasiliano ha concluso incontrollato con il piede destro sul lato destro dell’area di rigore dopo un cross di João Cancelo. 2-1, il punteggio alla pausa, a favore di una squadra dominante di Manchester. Ma essere dominanti non protegge dalle sorprese, e Sadio Mané lo ha dimostrato quando ha pareggiato all’inizio del secondo tempo con il suo piede destro in area dopo una buona palla di Mo Salah. Il momento è cambiato e il Manchester City è stato sempre più sottomesso e a 20 minuti dalla fine Laporte ha deviato il tiro di sinistra di Mo Salah sulla coscia e alla destra di Ederson. Jesus ha risposto con un tiro di destro che ha trovato la parte posteriore della rete. Ma sul 2-2, il punteggio non cambierebbe in questo scontro di alto profilo in cima alla Premier League. Come all’andata, le due squadre finirono in un pareggio.

Leggi:   Le tendenze di bellezza che hanno dominato il 2021 e continueranno nel nuovo anno

Articolo precedenteReal Madrid: strano capogiro per Mariano Diaz
Articolo successivoDue colpi duri per il Chelsea di Tuchel