Home Ultime notizie Tecnologia Metaverso: i francesi non sanno cos’è… ma ne hanno già molta paura...

Metaverso: i francesi non sanno cos’è… ma ne hanno già molta paura (studio)

126
0

L’osservazione potrebbe essere fatta in molti campi: meno sappiamo di qualcosa, più la temiamo. Un’indagine condotta congiuntamente dalla società di consulenza sull’innovazione Talan e dall’Istituto Ifop mostra che tra i francesi e i Metaversla mancanza di comprensione prevale ancora. In risposta alla domanda “Hai mai sentito parlare di Metavers?Solo il 35% degli intervistati ha risposto affermativamente, e solo il 14% sa “esattamente cos’è”. Non sorprende che gli intervistati più giovani (18-49 anni) siano i più informati (dal 40 al 42% delle risposte positive) mentre quelli di 65 anni e oltre sono completamente all’oscuro (28% delle risposte positive).

Non sorprende che quasi un uomo su due sappia di Metavers (46%), il che significa che il punteggio medio (35% che sono consapevoli) è principalmente tirato giù dalla popolazione femminile. Notiamo anche che le professioni medio-alte sono chiaramente più consapevoli delle altre (il 61% sa cos’è Metavers). Molte persone non sanno cosa sia Metavers, ma molti sanno anche a cosa servirà: per il 60% degli intervistati, Metavers offrirà principalmente attività per il tempo libero, e per il 58%, questa nuova tecnologia potrebbe fornire accesso alla cultura (museo virtuale per esempio).

Leggi:   Disney+ prevede un abbonamento più economico, ma con annunci

Ed ecco il bel paradosso: il 65% delle persone interrogate non ha mai sentito parlare del Metaverso, ma il 75% ne ha ancora paura. I giovani sono meno timorosi (49%) degli anziani (80%), e l’80% crede che la democratizzazione della VR/AR non aiuterà a ridurre le emissioni di carbonio. D’altra parte, una frazione della popolazione è molto ben collegata alle ultime innovazioni digitali: l’8% dei francesi dichiara di aver già posseduto delle crypto, e tra il 4 e il 19% (a seconda della fascia d’età) non è scoraggiato dall’acquistare beni digitali con denaro reale.

Articolo precedenteMercato: nuovo ufficiale al Nantes!
Articolo successivoSalah troppo avido? La chiara opinione di Shearer