Home Ultime notizie Stile di vita Nato senza un tubo del cibo, un ragazzo di 22 mesi dell’Oman...

Nato senza un tubo del cibo, un ragazzo di 22 mesi dell’Oman è stato curato in un ospedale di Hyderabad

69
0

Un ragazzo di 22 mesi dell’Oman — nato con a raro difetto alla nascita — è stato curato con successo al Rainbow Children’s Hospital di Hyderabad all’inizio di questa settimana.

Un comunicato stampa afferma che il ragazzo, Wafi, è stato trasportato in aereo dall’Oman in “condizioni molto critiche”. Nato senza una pipa per il cibo — una condizione chiamata Atresia esofagea e fistola tracheo-esofagea (EA/TEF), osservata in 1 nascita su 5.000 — è stato curato dal dottor Mainak Deb e dal dottor Harish Jayaram, che lo hanno aiutato durante una battaglia sanitaria durata due mesi che ha coinvolto un chirurgia complicata.

I bambini nati con EA/TEF richiedono generalmente un intervento chirurgico per correggere la malformazione, in modo da consentire l’alimentazione e prevenire danno polmonare.

Nel caso di Wafi, invece, nonostante l’intervento chirurgico, le sue condizioni non sono migliorate. Secondo il rilascio, il bambino è stato sottoposto a “procedure endoscopiche multiple” e due operazioni nel suo paese d’origine, ma il problema persisteva ed è diventato “debilitato dal punto di vista nutrizionale”.

Leggi:   Ronaldo, il grande annuncio

Questo è quando il Ministero della Salute, Sultanato dell’Oman, ha scritto al Rainbow Hospital. I genitori di Wafi lo hanno ammesso ad Hyderabad il 2 febbraio 2022.

È stato esaminato da un team di chirurghi pediatrici: il dott. Deb, il dott. Jayaram, intensivisti pediatrici guidati dal dott. Farhan, il gastroenterologo, il dott. Prashant Bachina e il pneumologo pediatrico dott. Naveen Saradhi.

Secondo il dottor Jayaram, chirurgo pediatrico, il bambino era “gravemente debole e sottopeso” ed era “molto rischioso” eseguire subito un’altra operazione. Si è quindi deciso di “riabilitarlo nutrizionalmente attraverso un tubo nello stomaco, curare la sua infezione polmonare e poi prepararlo a un’operazione molto complessa e critica”.

Wafi ha guadagnato peso desiderabile e le sue condizioni di salute sono migliorate in un mese; è stato finalmente operato il 1 marzo – l’intervento è durato quasi sei ore.

Leggi:   L'istruttore di yoga di Alia Bhatt suggerisce 3 tecniche di respirazione per combattere la calura estiva

Il bambino necessitava di “rianimazione intensiva avanzata” con medici e infermieri al suo fianco 24 ore su 24. È stato in ventilazione per 23 giorni in terapia intensiva pediatrica dove ha combattuto gravi infezioni e ha anche subito una procedura endoscopica per eliminare il pus nel petto.

Quando finalmente Wafi è uscito dalla PICU, era in buona salute. Era senza tubi e ossigeno e aveva iniziato a mangiare normalmente. È tornato nel suo paese pochi giorni fa.

“Normalmente, tali operazioni durano circa due ore. Ma, a causa delle molteplici procedure eseguite nel suo paese d’origine, inizialmente nella stessa area, per noi è stato un caso impegnativo e quindi ci è voluto più tempo del solito”, ha affermato il dottor Jayaram.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteMbappé, una svolta? Nuovo chiarimento delle chiavi
Articolo successivoHello Games: una nuova espansione per No Man’s Sky e l’annuncio di un gioco molto ambizioso (trailer)