Home Sport Calcio Rangnick riconosce il problema al MU

Rangnick riconosce il problema al MU

65
0

Relegato in fondo alla classifica dei top club della Premier League, il Manchester United sta anche lottando per competere sul fronte degli ingaggi.

Questi sono tempi decisamente complicati per Manchester United. Dominante durante l’era di Sir Alex Ferguson, il club non è stato in grado di ricostruirsi dopo la partenza del suo leggendario allenatore. Tra prestazioni mediocri, continui cambi di allenatori e reclutamenti pasticciati, la Diavoli rossi non se la passano bene. E di fronte all’ascesa del Liverpool alla ribalta, Manchester City e Chelsea, le cose non migliorano.

Ralf Rangnick ha detto questo lunedì. L’ex manager del Manchester United ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa prima della partita della sua squadra contro il Brentford (ore 21, 35a giornata di Premier League) che c’era una difficoltà specifica per gli scout del club. ” Come club, con i tifosi, lo stadio e la qualità della nostra struttura di allenamento, sì, possiamo ancora attrarre giocatori. Ma dobbiamo essere realistici, non appena club come Liverpool, Chelsea o Manchester City sono contro di noi, dobbiamo trovare gli argomenti giusti e spiegare perché devono venire qui.

Leggi:   Emiliano Sala, causa della morte nota

Dieci Hag, un coinvolgimento importante

E per aiutare il Manchester United in questo arduo compito, l’uomo che assumerà un ruolo di consulenza al club, insieme aprenderà il comando della squadra nazionale austriacaConta sul suo successore in panchina. ” È importante sapere cosa Erik (dieci Hag) pensare. So che per Thomas (Tuchel) o Jürgen (Klopp) è lo stesso, se vogliono un giocatore, vengono anche coinvolti direttamente. Invitano il giocatore, parlano con lui per vedere la sua mentalità e il suo carattere per vedere se si adatta alla squadra.

Leggi anche: >>> “Faccio la mia vita come voglio”, dice Lizarazu

Vedi anche: >>> Madame Abidal: “Hai distrutto la nostra famiglia per questo?

Articolo precedenteBenzema al Lione, un ritorno imminente?
Articolo successivoNeymar, il prezzo fissato per il suo trasferimento