Home Sport Calcio Romelu Lukaku deriso sui social network

Romelu Lukaku deriso sui social network

185
0

L’attaccante del Chelsea Romelu Lukaku è stato deriso sul web dopo aver firmato con un nuovo designer di videogiochi.

Romelu Lukaku era sorridente come ha fatto un ritorno vincente in campo nella partita del Chelsea contro l’Aston Villa domenica. Ma il centravanti belga non l’ha tenuto troppo a lungo. Se si è collegato ai social media poco dopo, potrebbe essersi reso conto che il suo nome è associato a un grande flop. Quello del nuovo concorrente di FIFA nell’industria dei videogiochi, cioè la UFL. Un marchio creato da un’ambiziosa azienda bielorussa, ma che ovviamente non può nemmeno permettersi dei buoni grafici.

“È Lukaku o Lukaka?!”

Nel trailer che ha svelato, qualche mese prima dell’uscita del gioco, presenta la star belga, sua principale ambasciatrice. Sfortunatamente, il volto è tutt’altro che realistico. La grafica è povera e indegna dei motori che girano nelle console di nuova generazione. Naturalmente, gli utenti di internet hanno avuto una giornata campale per abbattere il nuovo arrivato nel panorama dei giochi e il suo headliner. I commenti sarcastici includevano “È Lukaku o Lukaka?”, mentre un’altra reazione ha notato che sembrava Fortnite.

Di fronte a questo massiccio sfogo di derisione, i progettisti del gioco sono stati veloci a reagire e a promettere miglioramenti al più presto. “Ragazzi, le critiche sono accettate”, ha detto uno dei designer. Ma questo pezzo non rappresenta la qualità finale. E avremo un aggiornamento per voi. Una parte della qualità delle texture è stata sbiadita dall’illuminazione scura del palco. Per favore, diffondete la parola. Fallo fatto, mezzo perdonato? Non così sicuro. E Lukaku certamente non ha gradito questo affronto pubblico.

Leggi:   Horizon Forbidden West: primi video di gameplay della versione PS4 Pro

Vedi anche:
>>> L’agente di Lukaku ci mette i denti

Articolo precedenteIl Manchester City ha un “nuovo” nel mirino
Articolo successivoDopo Digne, il Chelsea punta a un altro terzino francese