Home Sport Calcio Rothen accusa Pogba: “Prende la gente per matta!”.

Rothen accusa Pogba: “Prende la gente per matta!”.

91
0

Il consulente di RMC Jerome Rothen non capisce la necessità di Paul Pogba di annunciare la sua futura destinazione attraverso un commento.

La partenza di Paul Pogba dal Manchester United è stata confermata mercoledì. Tuttavia, non si conosce il suo prossimo club. L’annuncio è previsto per il 17 giugno durante un documentario in cui il giocatore si presenterà espressamente. Il programma si chiamerà “Pogmentary” e sarà trasmesso su Amazon.

“Smettetela di farneticare e concentratevi sul calcio!”.

L’iniziativa di Pogba sta provocando molte reazioni. Ad alcuni non è piaciuto affatto. Jérome Rothen, ad esempio, si è strappato i capelli quando ha sentito la notizia. “Si può paragonare Pogba a Griezmann e al suo documentario ‘Decision’. E ora Pogmentary. Francamente, è uno scherzo. Quando si esce da un ciclo che non è molto buono al club, è necessario fare un documentario per annunciare la propria decisione futura. Ma questo significa prendere ancora una volta la gente per matta. Il footix, lo adoreranno. È un reality. Ma in questo caso, fate un altro lavoro, ragazzi. Influencer, youtuber o altro”, ha dichiarato a RMC.

Rothen ha aggiunto che Pogba non dovrebbe abbassarsi a fare questo tipo di “extra” quando viene già pagato profumatamente come calciatore. Si può sempre fare di più in termini di immagini per guadagnare un po’ di più, non c’è problema, ma loro sono campioni del mondo”, ha detto. Non parlo nemmeno dei loro stipendi. Non hanno rubato nulla, ma questo dovrebbe dare loro una certa prospettiva. Griezmann, quello che ha fatto gli ha fatto molto male. Dal suo documentario, si tratta di una regressione. Smettete di delirare e concentratevi sul calcio”. Nel caso di Griezmann, è difficile contraddirlo.

Leggi:   Il Barça esita, Sergi Roberto si infastidisce

Vedi anche:
>>> Il forte gesto di Pogba verso la Juventus

Articolo precedenteOrange apre due nuovi centri dati in Francia
Articolo successivoLa strana destinazione di Aymeric Laporte