Home Sport Calcio Rothen, Messi e la stampa francese puzzolente

Rothen, Messi e la stampa francese puzzolente

38
0

Jérôme Rothen è molto arrabbiato per quanto sta accadendo al PSG e si è scagliato contro i sudamericani del club parigino. Lionel Messi non è stato risparmiato. E nemmeno Neymar.

È una tradizione del suo programma, A Jérôme Rothen piace sproloquiare e inveire. Se alcuni sono talvolta declamati senza molta convinzione, altri sembrano più reali. Ed è questo il caso della diatriba di questo martedì rivolta ai giocatori del Paris Saint-Germain a cui è stato chiesto di andare altrove. È stata una grande opportunità per conoscerci meglio”, ha detto, “e lo faremo in un tempo molto breve”.

Vedi anche: Domenech “Lione e nulla”, dice Larqué

È stato il brasiliano il primo a ricevere riflessioni acide, accusato di essere il primo dei possibili partenti ad aver rifiutato qualsiasi partenza. ” La vergogna non conosce limiti, e poi si accumula… Ho l’impressione che si siano dati la parola a vicenda, in effetti. Tutto è iniziato con Neymar. […] Smettetela di prenderci per matti. Guardate il vostro ombelico per due secondi, se ci riuscite ancora, perché per alcuni dopo le vacanze è difficile perché dopo l’ombelico non lo vedono più. In questo caso si tratta di un piccolo messaggio per Icardi e anche per Neymar.

Leggi:   Negli Stati Uniti, ad un'intelligenza artificiale viene negata la paternità di un'opera d'arte

“Chiudo la bocca e vado a lavorare”.

E non contento di aver citato la pancia gonfia di alcuni a inizio stagione, Rothen è poi passato a Lionel Messi, di cui ha sottolineato il modo di comunicare preferendo i media argentini a quelli francesi. ” Abbiamo avuto il diritto di intervistare Leo Messi nei colleghi stranieri, naturalmente, la stampa argentina. Perché la stampa francese deve puzzare. Quindi non vuole parlare e mostrare il suo disappunto alla stampa francese.

Una volta individuate le due stelle, l’ex PSG si è soffermato sulle seconde linee, Leandro Paredes e Mauro Icardi in particolare, tornando a parlare del loro futuro a Parigi. ” Quando si fa un discorso del genere, se ti chiami Icardi o Paredes, se non giochi più, se guardi gli altri allenarsi, se ti alleni con loro o se almeno fai finta di farlo. (…), ad un certo punto ti dici Chiudo la bocca, vado a lavorare”. e se il club dice Non ti vogliamo più perché ti abbiamo comprato per 60 milioni di euro e ti diamo 1 milione di euro al mese.Rispettate la decisione del club perché siete stati fortunati più di una volta.

Leggi:   Micromania viene inchiodata per pratiche commerciali ingannevoli

Leggi anche: >>> Shakira e Piqué, separati ma un weekend insieme

Articolo precedenteIl PSG punta l’occhio sull’attaccante dell’Inter
Articolo successivoNintendo ammette di aver modificato lo Switch per combattere la pirateria