Home Stile di vita Salute Troppo presto per eliminare le mascherine, ma a carico del pubblico: gli...

Troppo presto per eliminare le mascherine, ma a carico del pubblico: gli esperti

55
0

Anche se alcuni stati hanno deciso di smettere di penalizzare le persone per non farlo indossare maschere poiché i casi di COVID-19 continuano a diminuire, gli esperti sanitari sono del parere che sia troppo presto per eliminare completamente la restrizione.

Hanno consigliato alle persone di mascherarsi volontariamente per proteggersi anche da infezioni come influenza e influenza suina, a parte il coronavirus.

I governi del Maharashtra e di Delhi hanno recentemente deciso di allentare la restrizione sull’uso obbligatorio maschere per il viso in pubblico, una norma in vigore da due anni e la sua violazione ha comportato una multa di Rs 2.000.

Reagendo allo sviluppo, il famoso virologo T Jacob John ha affermato dal pandemia è “finito” in India, l’uso delle mascherine non è più necessario per ridurre la trasmissione di SARS-CoV-2. Il mandato della maschera ha vissuto il suo tempo e non c’è più giustificazione per il suo proseguimento come “mandato”.

Ma è una buona idea promuovere l’uso volontario di maschere nei luoghi pubblici per ridurre l’inalazione di polvere e altri agenti respiratori trasmissibili, inclusi bacilli della tubercolosi, virus dell’influenza, altri virus respiratori come virus sinciziale, adenovirus, comuni virus del raffreddore ecc., disse.

“È un’abitudine che ridurrà le malattie. Attualmente, vediamo pazienti sottoposti a trapianto di rene che indossano maschere; tutti ne trarranno vantaggio: su autobus, treni, aerei, ecc. PTI.

“La mia opinione personale è che dovrebbe esserci una promozione attiva dell’uso della mascherina in tutti i locali ospedalieri, negli ambulatori e in tutte le code e le aree di attesa. Lì non sono contrario nemmeno a un mandato. Per il personale e i pazienti, i parenti, i visitatori, ecc”, ha aggiunto John.

Il dottor Ravi Shekhar Jha, direttore aggiuntivo e capo del dipartimento – Pneumologia, Fortis Escorts Hospital, Faridabad, ha affermato che le maschere dovrebbero continuare ad essere obbligatorie ed è prematuro rinunciare completamente a questa abitudine.

Leggi:   Android 12 è disponibile per il Samsung Galaxy S20, Note 20 e Fold 2

“Tè disastro della seconda ondata, che ha portato via molte giovani vite in tutto il mondo, era qualcosa che il mondo moderno non aveva mai visto prima. Le persone erano diventate un po’ compiacenti dopo la prima ondata e questo probabilmente ha portato a un aumento incontrollato dei casi mortali. Anche se è vero che la maggior parte degli indiani suscettibili viene vaccinata, ciò che dobbiamo tenere a mente è che il vaccino non ci protegge dalle infezioni. Anche se l’infezione non è fatale, ti mantiene debole per molti mesi”, ha detto.

maschere Un’altra considerazione importante qui è che, sebbene il COVID-19 si sia probabilmente indebolito, il paese ha visto una riduzione del numero di casi di influenza suina a causa di maschere e pratiche igienico-sanitarie. (Fonte: Getty Images/Thinkstock)

“Sappiamo tutti del lungo covid. Pertanto, è meglio non essere infettati. Finora, la scienza ha dimostrato che le maschere sono l’unico importante contributo alla prevenzione delle infezioni”, ha detto Jha a PTI.

Un’altra considerazione importante qui è che però COVID-19 probabilmente si è indebolito, il Paese ha visto una riduzione del numero di casi di influenza suina a causa di mascherine e pratiche igienico-sanitarie.

“L’influenza suina è più fatale del Covid e della combinazione chiamata flurona può anche essere impedito da questo. Pertanto, secondo me, le maschere non devono passare di moda… troppo presto”, ha osservato.

Il dottor Akshay Budhraja, pneumologo senior, Aakash Healthcare Super Specialty Hospital, ha affermato che è ora di smettere di oscillare tra restrizioni e normalità. Dobbiamo imparare a convivere con il coronavirus allo stesso modo in cui viviamo con altri virus come l’influenza e l’adenovirus, tra gli altri.

Leggi:   Messi, cattive notizie per il PSG

“Le mascherine non dovrebbero essere obbligatorie per la popolazione generale, ma consigliate a coloro che sono malati o che hanno qualsiasi tipo di malattia immunosoppressiva, che visitano luoghi chiusi affollati con scarsa ventilazione o quando visitano una struttura sanitaria come ospedali o cliniche”, ha affermato.

“Allo stesso tempo, dobbiamo rimanere cauti e seguire le ultime raccomandazioni che potrebbero cambiare di volta in volta nei prossimi mesi, come da statistiche. Ora che tutti sono abbastanza consapevoli di quando indossare una maschera, dobbiamo assumerci la responsabilità di noi stessi nei prossimi tempi”, ha affermato.

Il dottor Arunesh Kumar, HOD & Senior Consultant, Pneumologia, Paras Hospitals, Gurugram, ha affermato che c’è stato un aumento COVID-19 casi in Occidente così come in Cina.

“Il mascheramento è il secondo intervento più efficace dopo la vaccinazione quando si tratta di prevenire nuove infezioni da COVID. Non siamo ancora lì con i nostri numeri di doppia vaccinazione dove immunità di gregge sarà raggiunto. Nuove infezioni invitano virus mutanti. Con una popolazione grande come la nostra, potrebbe rivelarsi una mossa costosa poiché le persone troveranno sicuramente un motivo per non indossare una maschera poiché un importante deterrente è stato rimosso “, ha affermato.

Sostenendo lo sblocco ma non lo smascheramento, Kumar ha affermato che la maschera si è rivelata utile anche per prevenire altre infezioni come tubercolosi così come problemi allergici da polvere e pollini, “che è un grosso problema nella regione della capitale nazionale di Delhi”.

“Esorto le persone a considerare di mascherarsi su base volontaria quando sono in giro per aiutare il Paese a combattere efficacemente l’infezione da Covid”, ha aggiunto.

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

Articolo precedenteIl futuro di Nkunku diventa più chiaro
Articolo successivoXbox Game Pass aggiungerà un’offerta per famiglie nel 2022