Home Ultime notizie Tecnologia Twitter nasconde i tweet che diffondono informazioni false durante una crisi

Twitter nasconde i tweet che diffondono informazioni false durante una crisi

57
0

Twitter ha annunciato che metterà degli avvisi su alcuni messaggi fuorvianti sulla guerra in Ucraina, come parte di una nuova politica sulla disinformazione in tempi di crisi.

La nuova politica di Twitter su alcuni tweet

Per leggere i tweet ritenuti problematici, si dovrà prima cliccare su un messaggio che annuncia che la diffusione di informazioni false o fuorvianti può avere conseguenze dannose sulla vita reale delle persone, spiega Twitter.

Le avvertenze saranno aggiunte per prime ai tweet più visibili o provenienti da account come i media affiliati a governi o enti governativi. Inoltre, non sarà possibile mettere like, retweet o condividere messaggi problematici. Una volta che Twitter ha stabilito che un messaggio è falso, la piattaforma farà in modo di non accelerarne automaticamente la propagazione.

L’obiettivo è quello di “promuovere un’informazione credibile e autorevole e per garantire che “La disinformazione virale non viene amplificata o raccomandata”. dagli algoritmi di Twitter, ha dichiarato il social network. Questa nuova politica intende guidare gli sforzi del gruppo in caso di conflitti armati, situazioni di emergenza sanitaria o disastri naturali su larga scala, a partire dalla guerra in Ucraina.

Leggi:   Il brasiliano lavora nella stessa azienda da 84 anni, stabilendo record

“Per determinare se le accuse sono fuorvianti, richiediamo una verifica da una serie di fonti credibili e pubblicamente disponibili, comprese le prove di gruppi di monitoraggio dei conflitti, organizzazioni umanitarie, individui che conducono indagini da fonti pubbliche su internet, giornalisti, ecc.”.Dettagli su Twitter. La piattaforma prevede di colpire, ad esempio, i tweet che travisano la situazione sul campo in un conflitto o riportano false accuse sull’uso della forza, sui crimini di guerra o sulla risposta umanitaria.

Articolo precedenteOM bandito dal reclutamento? Longoria mette il turbo
Articolo successivoGiroud, un bel ricordo dell’Arsenal