Home Sport Calcio Zidane al PSG, un potente dirigente rompe il silenzio!

Zidane al PSG, un potente dirigente rompe il silenzio!

125
0

Zinedine Zidane sarebbe la priorità del Paris Saint-Germain per la successione a Mauricio Pochettino.

La prospettiva di Zinedine Zidane sulla panchina del Paris Saint-Germain comincia a farsi strada. Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha espresso pubblicamente mercoledì il desiderio di vedere l’icona del calcio francese alla guida della migliore squadra del Paese. ” Ho avuto modo di parlare con Kylian Mbappé, ma lui fa la sua scelta in coscienza. Lo ha dimostrato, è molto maturo, sta costruendo la sua carriera e il suo impegno con grande senso di responsabilità. Non ho parlato con Zinedine Zidane, ma ho un’immensa ammirazione per lui, per il giocatore e per l’allenatore”, ha spiegato il Capo di Stato nei commenti riportati da RMC.

Vedi anche: >>> Il Liverpool ha un nuovo obiettivo per sostituire Mané

Leggi:   Mbappé, convalida il trasferimento di un internazionale francese!

Macron sulla possibilità di avere Zidane a Parigi: “Sarebbe fantastico”.

Siamo molto contenti di avere, nel campionato francese, uno sportivo e un allenatore di questo talento che è riuscito a riportare tre grandi coppe a cui teniamo molto per i nostri club.ha continuato Emmanuel Macron. Spero per l’influenza del campionato francese e per la Francia che ritorni e venga ad allenare un grande club francese, sarebbe fantastico. Il mio ruolo è quello di dire che la Francia è una grande nazione per lo sport e il calcio, che ci sono grandi persone che amano questo sport. Per noi è importante che i migliori giocatori che abbiamo formato, che a volte hanno brillato a livello internazionale, possano tornare.

Il nome di Zinedine Zidane è stato accostato al PSG per molte settimane, insieme a Christophe Galtier, Marcelo Gallardo e Sergio Conceiçao.

Leggi:   Il PSG rompe il suo salvadanaio per Mbappé!
Articolo precedenteLa folle sfida di Ronaldo
Articolo successivoLe banche cinesi sono chiamate a salvare i costruttori immobiliari mentre il boicottaggio dei mutui minaccia l’economia