Home Sport Calcio Zidane, le cose non vanno bene per il PSG

Zidane, le cose non vanno bene per il PSG

50
0

Zinedine Zidane è a Parigi da giovedì. Se il PSG sperava di sfruttare l’occasione per spingerlo a firmare per il club, la vittoria è tutt’altro che scontata.

Il proprietario del Paris Saint-Germain aveva anticipato l’affare. Con l’avvicinarsi della finale di Champions League di sabato tra Liverpool e Real Madrid allo Stade de France, l’emiro del Qatar è arrivato nella capitale francese con l’intenzione di incontrare e discutere il suo obiettivo numero uno per sostituire Mauricio Pochettino sulla panchina del PSG: Zinedine Zidane. Se i contatti esistonoma il risultato non è ancora favorevole al club parigino.

Vedi anche: Mbappé: il padre lancia l’allarme sugli eccessi del calcio

La tendenza era già stata data venerdì da Jean-Michel Larqué. L’ex allenatore del PSG, che aveva pranzato con “Zizou” all’inizio della giornata, aveva indicato nell’emittente di RMC che la sua sensazione era ” che eravamo molto, molto lontani dal calcio “e che Zidane ” era presente agli Open di Francia e alla finale (della LoC). Non era lì per un trasferimento o per tornare in servizio. “Prima ondata di freddo per i tifosi parigini.

Leggi:   Allucinante Man City-Real / Champions League (1/2 finale)

Contatti quotidiani, ma…

Poi ne è arrivata una seconda dall’Italia, e più precisamente da Gianluca Di Marzio. Il giornalista italiano ha confermato che la dirigenza del PSG sta facendo tutto il possibile per convincere il tecnico francese a unirsi al club. I contatti sono quotidiani ma, per il momento, il rifiuto categorico all’altro capo del telefono. Di Marzio conclude indicando che la possibilità di Mauricio Pochettino resterà per un’altra stagione. Nonostante il prolungamento di Kylian Mbappé, il Paris è ancora lontano dal raggiungere l’altro obiettivo principale.

Leggi anche: >>> Quando Darwin Nunez pensa di essere Mbappé

Articolo precedenteReal Madrid in vetta all’Europa / Champions League (finale)
Articolo successivoCourtois risponde ai suoi critici